Comunicati Stampa

Rallye San Martino 2016, si aprono oggi le iscrizioni

Moderno n.36, Historic n.7 e Revival n.8: ci sarà tempo fino a giovedì 1 settembre per inviare il fatidico tagliando 

A un mese esatto dall’accensione dei motori sulla rampa di partenza, si aprono oggi le iscrizioni al 36° Rallye San Martino di Castrozza e Primiero, valido per il Campionato Italiano Wrc, al 7° Historic Rallye e all’8° Revival. Un tris di gare per tutti i gusti, incrociando vetture moderne e vintage, dando soddisfazione anche agli amanti della regolarità sportiva. L’appuntamento per tutti è fissato a venerdì 9 e sabato 10 settembre, una corsa al cospetto delle Pale dolomitiche, magica cornice per gli eroi del motore dall’anno 1964. RALLY WRC. Quinto dei sei round del tricolore 2016 che si chiuderà a Como in ottobre, San Martino propone una lotta a quattro per il primato tra Luca Pedersoli (Citroen C4), Tobia Cavallini (Ford Fiesta), Marco Signor e Paolo Porro (Ford Focus). Sono loro i protagonisti dell’annata, con un seguito di tifoserie appassionate e rivali. Finora sempre a punti Pedersoli (49) e Cavallini (43), mentre Signor (37,5) non ha corso all’Elba e colto zero al 1000 Miglia dove Porro (36) si è dovuto ritirare. SFIDA DI CLASSE. Un po’ all’ombra dei big, ma in grado di recitare dai protagonisti, San Martino attende come al Marca il possibile confronto tra le vetture R5 di Efrem Bianco (Skoda Fabia), Ettore Catterina (Ford Fiesta), Emanuele Zecchin e Alberto Roveta (Peugeot 208 T16), e la Super 2000 di Antonio Forato (Peugeot 207). HISTORIC RALLYE. “La storia siamo noi, siamo noi padri e figli” (De Gregori, ndr). E’ il ritornello preferito della San Martino Corse, orgogliosa di un prestigio irrinunciabile con Giorgio Taufer a suonare la grancassa. Il Rallye antico fu teatro delle imprese di Sandro Munari e altri mitici campioni. Sull’Historic Rallye finora le firme di Giorgio Costenaro (2010, 2013, 2014, 2015) e Michael Stoschek (2011 e 2012). REVIVAL RALLYE. All’inizio i rally erano proprio delle gare di regolarità, bisognava spaccare il secondo e non andare più forte di tutti. Altre dinamiche, altre abilità, il gusto del viaggio e della precisione. L’anno scorso dominatore assoluto è stato Andrea Montemezzo su Opel Kadett Gsi, pronto a risalire sul gradino più alto del podio dell’ottava edizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *