Comunicati Stampa

Il Rallye è una sfida per moderni e storici ma il Revival ha un bicampione del mondo

Walter “Fuzzy” Kofler sarà al via con la sua fantastica Porsche 356A del 1958 –
Giù il cappello davanti ai colori dell’iride. Walter “Fuzzy” Kofler è un signore di 68 anni che ha vinto due volte il campionato del mondo riservato alle auto ad energia alternativa, nella categoria dei veicoli puramente elettrici (fonte Wikipedia). Ma è anche un grande appassionato di rally e per la prima volta sarà al via del San Martino, in versione Revival, venerdì 9 e sabato 10 settembre. “Ho sempre guardato con grande ammirazione a questa gara fin dalle origini – dichiara il driver di Cermes, in provincia di Bolzano – quando i nomi più celebri a livello italiano e internazionale si sfidavano su strade incredibili, in un contesto ambientale impareggiabile. Poi ne ho seguita la rinascita, ma finora non ero mai riuscito a conciliare le date della corsa con i miei impegni di lavoro. Stavolta tutto combacia e sarò al via con la mia Porsche 356A del 1958, una vettura prestigiosa che dà tante emozioni alla guida”. Kofler avrà al suo fianco il pediatra Massimo Perini, uno dei fondatori del Veteran Car Team assieme a Davide Brancalion. “Nulla avviene per caso – sottolinea “Fuzzy” – e una comune passione è il miglior acceleratore di amicizia”. A proposito di velocità, nel Revival si devono osservare dei tempi imposti e non è una gara contro il tempo ma dentro al tempo. “Questo è vero, ma si corre in strade chiuse al traffico, in sicurezza e si può dare libero sfogo al proprio estro al volante. Quando ci si avvicina al controllo orario, ecco che bisogna far ricalibrare tutto”. Ebbene Kofler, con quale spirito si prepara ad affrontare il Revival San Martino? “Ci caliamo in un’atmosfera magica, dove una volta i protagonisti si chiamavano Munari, Cavallari, Källström, Darniche. Io li ho ammirati veramente e correre era il mio sogno di gioventù, che posso realizzare adesso e ne sono molto orgoglioso”. (foto Pietroz)