News & ComunicatiRally 2017Senza categoria

Il Rallye e Sandro Giacomelli, l’eroe dei due mondi

L’aquila di Predazzo si prepara all’ennesima sfida con una Peugeot di Balbosca

L’anagrafe non conta più quando sei a mezzo tra realtà e mito. Ce ne saranno altri come lui in giro per l’Italia, protagonisti di un’epopea sportiva. Nel senso che cominci, continui e poi non ne puoi più fare a meno, diventando una specie d’icona anche tuo malgrado. Sia come sia, Sandro Giacomelli si prepara all’ennesima sfida con il Rallye, lui che vanta un record imbattibile: ha corso l’ultimo San Martino “antico” (1977) come navigatore dell’amico Antonio La Forgia su Autobianchi A112 Abarth e tutti quelli “moderni” dal 1995 a oggi, compresa ovviamente l’edizione 1996 caratterizzata dal trionfo assieme alla moglie Graziella Bolognani con una Renault Clio Maxi battendo la Subaru Impreza di De Cecco-Sincerotto e la Lancia Delta Hf di Bertolini-Tumaini. E’ l’eroe dei due mondi rallystici: un ponte tra passato, presente e futuro. Quest’anno “l’aquila di Predazzo” sarà al via al volante di una Peugeot 207 Super 2000 di Balbosca, navigato da Francesco Orian. Vettura divertente e aggressiva, anche se non più in grado di reggere il confronto con le più performanti R5 e tanto meno con le rabbiose Wrc. Annuncia che “l’importante è arrivare puntuale all’appuntamento, sto facendo tutto ciò che serve per riuscire a presentarmi al mio massimo possibile”. Un guaio fisico recente l’ha costretto a sorbirsi estenuanti sedute di fisioterapia. “Roba che ti fa sentire quanta ruggine hai in corpo col passare degli anni, ma io guardo avanti, tengo duro, mi do nuovi obiettivi. Penso al Manghen, a Val Malene e alla Gobbera, a dove ho sbagliato in passato e dove potrei migliorare ancora. Stavolta poi – sottolinea Giacomelli – c’è la prova spettacolo San Martino in centro al paese, una novità assoluta. Non potrà determinare grossi distacchi, però è diversa, speciale, insidiosa. Bisognerà stare molto attenti per evitare brusche toccatine e danni irreparabili”. L’età non conta davvero quando sei sempre pronto a gettare il cuore oltre l’ostacolo.